Posts Tagged ‘inceneritore bolzano’

Brucio per te!

febbraio 19, 2011

(ovvero: il nuovo inceneritore di Bolzano)

Poff-poff. Correvo appresso – o meglio “rincorrevo” – il Marathon man, il socio podista, colui che – avendone corse diverse – da quando ha saputo che mi stavo preparando a alla mia prima maratona si è preso a cuore il mio allenamento (sulla destinazione coviamo ancora qualche divergenza, lui dice che quella di Amsterdam non gli sembra la più adeguata visto il rischio di mandarla letteralmente in fumo).

Poff-poff , correre con Marathon man è pure istruttivo: single, di aspetto piacevole, ha una vasta cultura- ahimè limitata ad un unico campo: quello femminile. Sa tutto sull’orgasmo femminile, sulla ricrescita del pelo pubico, su cosa vogliono veramente le donne, sulle tette al silicone,  sui sogni segreti delle donne, ne sa pure più di me su cosa sia di moda e cosa invece passè.

Poff-poff, lui davanti, io sempre più indietro. Di solito ci perdiamo di vista ma – come in tutte le coppie rodate – prima o poi ci ritroviamo. Di solito quando lui ritorna.

Poff-poff, senza andare ad intaccare sempre l’autostima – stare dietro ha pure i suoi vantaggi: per esempio la vista sul sedere fasciato nei fuseaux da corsa di Marathon man. E poi mi evito i suoi monologhi monotematici (lui parla, io penso a respirare).

Poff-poff, arriviamo a Bolzano sud, stanca ed affannata con la scusa di commentare gli stati di lavoro del nuovo inceneritore di Bolzano lo faccio fermare.

“Poff-poff. Hai visto? Sono già arrivati al tetto (ovviamente: poff-poff)!”

“De che?”

“L’inceneritore! Il nuovo inceneritore di Bolzano. Il più bello (e costoso) del mondo! Migliaia di chili di rifiuti che verranno bruciati invece che trattati con metodi meno nocivi e più compatibili con l’ambiente!”

“Ah! Non sapevo neppure che ci fosse un inceneritore vecchio, figuriamoci uno nuovo!”

“Ma scusa, non ti sei mai chiesto dove finiva il sacchetto con i rifiuti residui – quelli che rimangono nella pattumiera dopo che hai differenziato vetro, plastica, carta, umido…?”

“Ma va! Mica differenzio io! E poi, una volta buttata nel bidone, sai che cosa me ne importa cosa ne fanno della mia spazzatura? Posso mica star qui a pensare a tutte le conseguenze delle mie gesta! Tu, invece: sai che ho letto che dalla forma del sedere si possono capire molte cose di una persona?”

“Infatti! Vai!”

“Eeeeh?”

“Accelera! Il tuo mi sta addirittura parlando! Mi sta implorando di prenderlo a calci!”

Perdere è una questione di metodo (Luis Sepulveda)

febbraio 18, 2009

loden-geldbeutel_thumb

Scusate, devo essermi nuovamente talmente persa nel mio mondo irreale, nel mio universo di idee confuse e contorte, nel mio mondo parallelo, che – uscendone – ho perso l’orientamento.

Noi qua siamo a Bolzano-Bozen, no?

Mi spiego meglio: mi riferisco a quella città immersa in una conca fumosa e soffocante, tagliata in due dall’A22 nonché dall’arginale, dalla statale, da strade, viuzze vicoletti tutti ugualmente trafficati, affumicata ulteriormente da un inceneritore famelico, da una varietà di industrie e fabbriche e confinata da una vasta discarica in cui si accumulano anni di rifiuti di non meglio definita origine? Perché se è così, se le mie coordinate non sono del tutto sballate, allora qualcuno potrebbe educatamente, con gentilezza, pazienza e garbo riportarmi alla triste realtà cittadina e spiegarmi

“COME CAZZO ABBIAMO FATTO AD OTTENERE UN RICONOSCIMENTO COME “CITTA’ ALPINA DEL 2009”????”*

Scusate il gergo, ma questa serie infinita di premi sconosciuti, riconoscimenti immeritati, titoli fantasiosi, cerimonie fraudolente ecc. tirano fuori il peggio di me.

Ulteriore spiegazione per chi – come me e migliaia di “cittadini alpini” non aveva ne ha tuttora capito cosa implichi questo titolo: per entrare in possesso di tale agognato riconoscimento (consegnatoci dalla precedente città detentrice del titolo: Briga/CH) la nostra “città” – o perlomeno coloro che pensano di rappresentarla in modo decoroso – ha dichiarato di dedicare l’anno alla protezione del clima (pensano di farlo costruendo un nuovo inceneritore? Oppure incentivando ulteriormente l’uso delle autovetture? Magari costruendo la tanto attesa terza corsia?) e di volere offrire alla popolazione un’elevata qualità della vita (scavando la città come talpe impazzite, edificando ogni fazzoletto verde, squartando i prati del Talvera nonché cementificando il Virgolo?) – ovviamente con lo scopo (dichiarato) di richiamare numerose visitatrici e visitatori (che verranno a piedi, suppongo?) “Ci siamo proposti di elaborare un programma attraverso cui Bolzano possa diventare una città clima neutrale” (qualcuno per favore glielo spieghi che tale risultato non si ottiene con la copertura dei protici in plexiglass), afferma Klaus Ladinser, Assessore alla mobilità, all’ambiente e alle attività economiche. Si parla poi di un “Patto per il clima”, di efficienza energetica e di produzione di energia da fonti rinnovabili, di valorizzazione del rapporto tra città e territorio montano (non attraverso la tutela di quest’ultimo, ma solo grazie alla valorizzazione dei prodotti regionali a scopi commerciali) nonché – tenetevi forti – di favorire l’attiva partecipazione della popolazione alle iniziative culturali e ambientali sostenibili!

Tutti esempi encomiabili, che avranno impressionato sicuramente la commissione che ha proclamato Bolzano come vincitrice del titolo, ma che per noi “insider”, che in questa città viviamo – anzi sopravviviamo – sono una grande, vergognosa, indecente MASSA DI BALLE!

GIGI? Dov’è Gigi in tutto ciò? Dunque, Gigi si è prestato al ritiro del premio. Memorabile la foto in cui – gaio e sorridente – ritira il tanto desiderato trofeo (che non mi ricordo bene se fosse un cervo stilizzato oppure una marmotta astratta piuttosto che una miniatura di cedro). Probabilmente anche lui non avrà ben capito che cazzo ci stava facendo la, ma almeno si sarà goduto l’onnipresente buffet con allegra bicchierata, mentre noi, comuni polli da spennare, come al solito restiamo a bocca secca…ed aperta per lo stupore.

Allora, cari miei, visto che questo delle premiazioni è un fenomeno dilagante, vi esorto ad inventarvi un premio, stabilire le regole del gioco, selezionare i criteri, sbaragliare concorrenti fittizi ed infine ad autoproclamarvi unici e non appellabili vincitori! Con tanto di cerimonia casalinga, figli plaudenti, partner orgogliosi, vincitori gaudenti. Un bicchiere di Tavernello vi sarà rimasto pure in frigo, attaccatevi al Tetrapak e godetevi l’inebriante sensazione di essere i migliori nel vostro campo!

*Dal 1997 il titolo di “Città alpina dell’anno” viene assegnato annualmente dall’Associazione Città alpina dell’anno, su proposta di una giuria internazionale, a una città dello spazio alpino europeo che si impegna attivamente per uno sviluppo sostenibile e futuribile del proprio territorio urbano e della relativa regione. Finora si sono aggiudicate il titolo dodici città da Germania, Francia, Italia, Austria, Svizzera e Slovenia.

P.S. Il titolo del post è una citazione del grande Sepulveda sulla quale Santiago Gamboa ha costruito un bellissimo romanzo. Consiglio la lettura, la trama è ambientata in Colombia ma ci mostra come todo el mundo es paìs